Gli esperti di marketing stanno iniziando a sviluppare contenuti che riflettano gli interessi dei consumatori e soprattutto che vendano nel mondo reale

I brand stanno riscrivendo le regole su dove e come interagire nella cultura odierna e, così facendo, stanno trasformando il futuro dei media.

La Formula 1 ha lanciato una serie di documentari su Netflix. Slack, ZipRecruiter e Shopify ospitano i propri podcast. E marchi come TD Bank e American Express hanno lanciato piattaforme di contenuti dedicate.

Cosa c’è dietro questa trasformazione? La natura in evoluzione del panorama informativo odierno.

La fiducia delle persone nei confronti dei notiziari televisivi, dei giornali e del governo è scesa ai minimi storici. E con un volume crescente di informazioni disponibili, l’accesso a informazioni affidabili è più che mai necessario. Possiamo affermare con esattezza che, i marchi si stanno unendo all’ecosistema dei media per sviluppare contenuti che riflettano i loro interessi. Tuttavia non sostituiranno affatto i media tradizionali ma  forniranno un ponte prezioso per creare fiducia con i consumatori ed elevare le informazioni ad un pubblico più vasto.

1) Abbracciare le aspettative dei consumatori in evoluzione

Le aspettative dei consumatori sono cambiate poiché le loro relazioni con i marchi sono diventate meno transazionali e più emotive e orientate al valore, richiedendo un autentico scambio di valore. Le persone vogliono sempre più che le aziende si impegnino a fare di più, a dire di più e a fornire più risorse per le persone che servono.

Riconoscendo questo cambiamento, molti marchi si sono allontanati dal tradizionale approccio basato sul FUNNEL marketing per abbracciare il cosiddetto “giornalismo di marca”, un mix di approcci multimediali ai contenuti, all’istruzione e allo storytelling.

Anche i marchi legacy che hanno raggiunto la maggiore età nell’era del marketing tradizionale hanno adottato questo approccio. IBM, ad esempio, ha lanciato Watson Health, che attinge agli insight abilitati dall’intelligenza artificiale e al contributo dei medici per mostrare l’applicazione della tecnologia all’assistenza sanitaria.

2) Fare leva su forti relazioni con i consumatori

Il barometro della fiducia di Edelman rileva che le aziende sono più affidabili rispetto alle organizzazioni, al governo e ai media tradizionali. E la ricerca suggerisce che i principali marchi, tra cui Nike, Colgate-Palmolive e Nestlé, stanno contribuendo a colmare un divario di fiducia culturale sviluppando capacità di contenuto. È probabile che il brand journalism rafforzi il rapporto tra consumatori e marchi.

3) Disimballaggio di argomenti complessi

Con esperti in materia che hanno una profonda conoscenza ed esperienza nel mondo reale rilevante per il loro marchio e la loro cultura, i marchi sono in una posizione unica per affrontare argomenti complessi. Molti fornitori di servizi finanziari, ad esempio, hanno affrontato l’alfabetizzazione finanziaria, il risparmio universitario, le strategie di investimento e la gestione delle piccole imprese con contenuti di facile comprensione e visivamente accattivanti.

La società di gestione degli investimenti WealthSimple, ad esempio, ha collaborato con celebrità tra cui Drake e Ryan Reynolds per avviare una conversazione sulle strategie di investimento quotidiane. E American Express ha lanciato “business class”, una newsletter settimanale dedicata alle piccole imprese.

4) Usare le risorse per amplificare le informazioni

I marchi che hanno resistito alla pandemia stanno utilizzando le proprie risorse finanziarie per creare e diffondere contenuti. La piattaforma tecnologica di gestione dei progetti Basecamp, ad esempio, pubblica libri su argomenti correlati, tra cui il lavoro a distanza e la produttività, ed è persino entrata nell’elenco dei best seller del New York Times con “ReWork”.

L’azienda di bevande all’avena Oatly ha promosso un’alimentazione sana e l’ambientalismo con un piano di sostenibilità su più fronti, un documentario sull’Oatly Lake del Michigan e una serie di spettacoli di marionette, “The New Norm & Al Show”, per educare i bambini sull’alimentazione.

5) Aggiungere valore al panorama multimediale

La forza e il valore dei mass media provengono storicamente dalla quantità e dalla diversità delle voci che li producono. In un panorama mediatico sempre più ridotto e consolidato, l’aggiunta di più voci può aumentare tale diversità.

Mentre il giornalismo è necessario per preservare la libertà di parola e l’accesso democratico all’informazione, la manichetta antincendio per le intuizioni non è più limitata. I marchi svolgono un ruolo prezioso nell’ecosistema dell’informazione odierno e hanno il potere di sfruttare la fiducia guadagnata per educare e guidare il proprio pubblico.